Internazionale
Home > Il Giornale > Anno 2015 > Numero 134 - Aprile 2015 > Numero 134 - Aprile 2015

Numero 134 - Aprile 2015

Articoli di questa rubrica


Brasile: l’acqua e l’elettricità minacciate dal profitto (Numero 134 - Aprile 2015)

Dall’inizio dell’anno, la metà meridionale del Brasile è colpita da interruzioni di corrente a ripetizione. Nello stesso tempo l’acqua rischia di mancare dal rubinetto, ed una grande città come San Paolo raziona i quartieri popolari. Ciò non è dovuto ad un consumo irresponsabile dei cittadini, bensì ad (...)


Ucraina : quando il potere denuncia i «totalitarismi» (Numero 134 - Aprile 2015)

Il 9 aprile, il Parlamento ucraino ha votato quattro leggi che condannano «i regimi totalitari comunisti e nazisti». Negare «il loro carattere criminale» o utilizzare in pubblico i loro simboli, canti o bandiere varranno fino a dieci anni di prigione. Queste leggi proteggono anche «l’onore» di (...)


UNA NUOVA FRONTIERA: LAVORARE GRATIS? (Numero 134 - Aprile 2015)

A quanto pare è un fenomeno in crescita. Non solo proliferano gli “stage formativi” a zero retribuzione e (possibilmente) anche a zero rimborsi…ora la formula compare anche nelle linee guida del contratto integrativo in discussione con i Sindacati, e non in un’impresa qualunque: Fincantieri, la cui proprietà è per il 75% di Cassa Depositi e Prestiti, cioè del Tesoro, cioè pubblica
Probabilmente si tratta anche di una strategia governativa. Dato che, nonostante le esortazioni, le imprese sono recalcitranti ad assumere, specialmente giovani, perché non farli lavorare gratis? Lo stesso Ministro Poletti ha recentemente dichiarato che tre mesi di vacanze al mese per gli (...)


Italo sciopera (Numero 134 - Aprile 2015)

Il 10 aprile scorso, a Firenze e nelle altre stazioni toccate dal servizio ad alta velocità del treno “Italo”, gruppi di giovani lavoratori in divisa distribuivano volantini intitolati: Italo treno oggi sciopera. Questo, che è probabilmente il primo sciopero dei dipendenti di NTV, la società che (...)


(EX) LUCCHINI PIOMBINO

C’E’ UN “PIANO B” OLTRE I MIRAGGI? (Numero 134 - Aprile 2015)

Cevital prende tempo, rappresentanti sindacali e rappresentanti delle istituzioni prendono atto e si mostrano ancora speranzosi. Ma i contratti di solidarietà sono in scadenza.
Giusto un anno fa, a fine aprile l’altoforno delle Acciaierie di Piombino ha effettuato l’ultima colata, un trauma che non si dimentica facilmente. Tanto che quando – tra le altre cose – i manager di Cevital hanno cominciato a ipotizzare la sua riaccensione, qualcuno si era già avviato a sperare (...)


Fincantieri

Gli operai navalmeccanici di fronte all’aggressione padronale (Numero 134 - Aprile 2015)

In risposta al piano di competitività portato avanti dall’azienda, tutti i siti Fincantieri hanno scioperato con un’adesione media alta, in tempi e modi differenti: dalle 8 ore di Sestri e Trieste, alle 13 e mezza di Marghera, alle 18 del Muggiano. La massima partecipazione agli scioperi si è (...)


La protesta dei lavoratori livornesi torna in piazza (Numero 134 - Aprile 2015)

Preparata da un lavoro capillare di alcune settimane, si è svolta a Livorno un’altra grande manifestazione, dopo quella del 15 novembre scorso. Centinaia di lavoratori, di giovani, di disoccupati sono sfilati per le vie del centro portando all’attenzione della città alcune delle rivendicazioni più (...)


Fca. Marchionne annuncia il nuovo sistema retributivo aziendale (Numero 134 - Aprile 2015)

Bonus legati ai risultati. Obiettivo: partecipazione degli operai agli utili per farla finita con la contrapposizione tra capitale e lavoro. Così i lavoratori saranno più divisi e quindi più deboli
«Oggi è un giorno speciale: per la prima volta nella loro storia, Fiat e Chrysler tengono l’assemblea in un luogo diverso dagli Stati Uniti e dall’Italia Non è un dettaglio di poca importanza, è il segno che con Fca tutto è cambiato, per sempre». Così John Elkan, presidente di Fca, ha aperto l’assemblea (...)


L’Europa capitalista condanna a morte i migranti (Numero 134 - Aprile 2015)

Almeno 800 bambini, donne e uomini sono morti annegati domenica 19 aprile nel naufragio della loro barca al largo della Libia. Questa strage fa seguito ad altri altrettanto terribili e ne precede sicuramente altre. Quanti Siriani, eritrei, Sudanesi o Somali dovranno ancora morire così alle (...)


Filo rosso

Internazionalismo, speranza del genere umano (Numero 134 - Aprile 2015)

Perfino in Francia, durante l’occupazione, eludendo la ferrea disciplina del militarismo prussiano e il terrore S.S., soldati della Wermacht risposero agli appelli lanciati loro, nella loro lingua, da gruppi clandestini di lavoratori francesi e di rifugiati tedeschi. Per aver letto o distribuito (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2015 RSSNumero 134 - Aprile 2015   ?