Internazionale
Home > Il Giornale > Anno 2015 > Numero 133 - Marzo 2015 > Numero 133 - Marzo 2015

Numero 133 - Marzo 2015

Articoli di questa rubrica


La giornata internazionale delle donne: Un’iniziativa del movimento operaio (Numero 133 - Marzo 2015)

Dal 1977, l’8 marzo è diventato, su decisione ONU, la giornata internazionale delle donne, e questa data è diventata l’occasione di manifestazioni diverse, militanti o culturali, per rendere loro omaggio. Per 24 ore politici e mass media fanno finta di lamentare il fatto che le diseguaglianze tra (...)


Lotte operaie nella Grecia della crisi (Numero 133 - Marzo 2015)

Negli ultimi mesi l’attenzione è caduta sulla Grecia, sulla vittoria elettorale del SYRIZA e sulla trattativa economica del nuovo governo greco con l’Europa. Tutti temi, questi, che riguardano istituzioni, banche e finanza; sui giornali non c’è nessun accenno alle lotte operaie e sociali che pur ci (...)


Iraq: le devastazioni di Daesh e le altre (Numero 133 - Marzo 2015)

L’11 marzo lo “Stato Islamico” (Daesh) ha diffuso un video in cui si vedono i suoi miliziani in procinto di distruggere vestigia archeologiche risalenti alle civiltà mesopotamiche che hanno attraversato i secoli e sono ancora visibili nel nord dell’Iraq. Daesh getta in faccia al mondo i colpi di (...)


LA CRISI NON RIGUARDA SOLO LA LUCCHINI (Numero 133 - Marzo 2015)

Quella che segue è una corrispondenza inviataci da un operaio di Piombino. La pubblichiamo con piacere invitando i lavoratori che leggono “L’Internazionale” a fare altrettanto. Il 2008 ha segnato l’inizio della crisi voluta dal grande sistema capitalistico. Anche l’azienda dove lavoro ha compiuto (...)


Filo rosso

Sopravvivenze primitive (Numero 133 - Marzo 2015)

Un altro fattore spiega la sopravvivenza della religione: è la situazione caotica nella quale si dibatte l’umanità del giorno d’oggi, rovesciata e dilaniata dall’agonia del sistema capitalista, dalle crisi periodiche di sovrapproduzione e dalla disoccupazione, dalle guerre planetarie che scoppiano a (...)


Fiat

Da Melfi a Torino, sfruttamento massimo! (Numero 133 - Marzo 2015)

Dopo anni in cui gran parte dei lavoratori è stata lasciata a casa, ecco che la Fiat (o scusate, la Fca – Fiat Chrysler Automotives) dice di aver bisogno di tutti o quasi, e quasi sempre. Stando a Marchionne la produzione dovrebbe riprendere in tutti gli stabilimenti. Il bisogno sarebbe tale che (...)


Editoriale

Lottare per non cadere nella barbarie (Numero 133 - Marzo 2015)

Il mondo del gran capitale è tutto con Renzi. Solo qualcuno che venisse da un altro pianeta potrebbe non accorgersene. Il Jobs Act è stato commentato con accenti entusiastici dalla Confindustria, dai banchieri più in vista, dalle grandi firme del giornalismo politico. La crisi del PD, con la (...)


2014: SOTTO IL PESO DELLA DISOCCUPAZIONE (Numero 133 - Marzo 2015)

La recessione in Italia si conferma un evento tutt’altro che passeggero: in barba alle intenzioni e ai continui annunci di imminente “uscita dal tunnel”, il tunnel non sembra farsene una ragione. Anche nel 2014 l’Italia segna una recessione media dello 0,4%, in parziale rallentamento nell’ultimo (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2015 RSSNumero 133 - Marzo 2015   ?