Internazionale
Home > Il Giornale > Anno 2015 > Numero 132 - Febbraio 2015 > Numero 132 - Febbraio 2015

Numero 132 - Febbraio 2015

Articoli di questa rubrica


Turchia: mobilitazione per i diritti delle donne (Numero 132 - Febbraio 2015)

Dopo lo stupro e l’omicidio di una studentessa nel sud della Turchia, delle manifestazioni si sono svolte in diverse città del paese. I manifestanti volevano rendere omaggio alla giovane studentessa massacrata, ma anche denunciare la crescente violenza e le violazioni dei diritti delle donne. (...)


Libia: verso un nuovo intervento occidentale? (Numero 132 - Febbraio 2015)

Lunedi 16 febbraio gli aerei egiziani hanno bombardato in Libia siti occupati da un gruppo armato che fa riferimento allo Stato islamico (Isis). Questo attacco è stato condotto in rappresaglia per la decapitazione di ventuno cristiani egiziani rapiti da questa organizzazione. Il presidente (...)


Gli inutili Forum di Davos dei predoni del mondo…l’appuntamento annuale si è ripetuto a gennaio anche quest’anno, senza meritare di essere ricordato per i risultati. Rischi globali per i conflitti internazionali, i cambiamenti climatici, l’enorme aumento della disoccupazione, segnatamente di quella giovanile. La ricchezza, però, gode ottima salute.

OLTRE META’ DELLA RICCHEZZA GLOBALE IN MANO ALL’1% DELLA POPOLAZIONE (Numero 132 - Febbraio 2015)

Qualcosa di più interessante della quattro giorni che ha riunito a Davos politici e imprenditori da oltre 140 Paesi, si potrebbe forse trovare nell’indagine svolta dall’Oxfam – organizzazione non governativa che riunisce 17 associazioni in più di 100 Paesi - proprio in preparazione dell’incontro. (...)


Germania: un salario minimo minimo (Numero 132 - Febbraio 2015)

Nonostante sia entrata in vigore il 1 ° gennaio 2015 la legge che prevede che nessun lavoratore dipendente sia pagato sotto 8,50 euro lordi l’ora, molti in Germania dovranno ancora lavorare per molto meno. La legge dovrebbe valere per tutti, compresi quelli che fanno lavoretti, i lavoratori (...)


Grecia: il successo di Syriza può portare ad una svolta per i lavoratori? (Numero 132 - Febbraio 2015)

Il significato del voto degli elettori greci, il 25 gennaio, è stato inequivocabile. Si è trattato di un voto contro l’austerità, nonostante la pressione dei principali finanziatori della Grecia rappresentati dalla Troika - Fmi, Bce e Commissione europea - e nonostante il ricatto di chi ha predetto (...)


Expo 2015. Un’opportunità? E per chi? (Numero 132 - Febbraio 2015)

Sono iniziate le prove generali di Expo 2015. Il 7 febbraio scorso a Milano si sono dati appuntamento il capo del governo Renzi e sette suoi ministri, vari rappresentanti delle istituzioni locali, esperti dei 145 paesi partecipanti, vari esponenti della borghesia imprenditoriale e finanziaria (...)


Filo rosso

I paradisi dei ricchi (Numero 132 - Febbraio 2015)

La parola “paradiso” contrasta nettamente con quel luogo infernale che, a detta di questi soggetti, è l’economia onshore con le sue imposte stratosferiche, cui fortunatamente è possibile sottrarsi grazie ai paradisi fiscali. Di certo queste giurisdizioni offrono una via di fuga, ma non alla gente (...)


“Tutele crescenti”? Si, ma per i padroni

NO AI LICENZIAMENTI FACILI! (Numero 132 - Febbraio 2015)

Fino dai tempi di Mussolini, in Italia, una delle caratteristiche dei demagoghi politici è stata quella di presentare le azioni più riprovevoli, i provvedimenti più iniqui, le leggi più vergognose, come se fossero un successo, una conquista, un passo in avanti. Qualche volta il pubblico, sul (...)


Che la tendenza sia a relegare la contrattazione a livello aziendale, al massimo territoriale; oppure che semplicemente si stia tentando di comprimere ancora la tenuta della massa salariale: fatto sta che in Italia il potere d’acquisto dei salari e la capacità di spesa dei lavoratori si riducono ancora, anche per il mancato rinnovo dei contratti nazionali di lavoro.

9 MILIONI SENZA CONTRATTO (Numero 132 - Febbraio 2015)

Come se non bastasse la crisi e il livello stabilmente altissimo della disoccupazione, proprio il pretesto della crisi è il nuovo grimaldello per incidere in modo deciso sul livello di vita della classe operaia. Non è un caso che siano in attesa di rinnovo i contratti di alcune fra le categorie (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2015 RSSNumero 132 - Febbraio 2015   ?