Internazionale
Home > Il Giornale > Numero 150 - Aprile 2017 > Numero 150 - Aprile 2017

Numero 150 - Aprile 2017

Articoli di questa rubrica


Editoriale

Un’alternativa alla miseria e alla disoccupazione (Numero 150 - Aprile 2017)

Se non è per esperienza personale è per quello che capita a parenti e amici. Chiunque di noi si rende conto di quanti posti di lavoro siano scomparsi o stiano scomparendo. Anche ora, mentre si parla di “segnali incoraggianti” dell’economia. I lavoratori e i loro rappresentanti delle aziende che (...)


Filo rosso

Il fatto fondamentale (Numero 150 - Aprile 2017)

Il capitalismo ha portato i mezzi di produzione a un livello tale che sono rimasti paralizzati dalla miseria delle masse popolari da esso portate alla rovina. Pertanto, tutto il sistema è entrato in un periodo di decadenza, di decomposizione, di putrefazione. Non solo il capitalismo non può dare (...)


Piombino. Aferpi, la crisi dell’acciaio

DUE ANNI DI ATTESA, ZERO RISPOSTE (Numero 150 - Aprile 2017)

A due anni dall’accordo di programma, che avrebbe dovuto restituire un futuro alle acciaierie di Piombino e soprattutto ai lavoratori della fabbrica e dell’indotto, non resta che mettere in fila gli scarsi fatti e le molte illusioni che hanno consentito soltanto di rimandare il momento della (...)


Le crisi nei territori sono lontane dall’esaurirsi; non a caso alle tante aziende che annunciano esuberi si aggiunge anche Unicoop Tirreno, un marchio della distribuzione molto diffuso in Maremma e in generale su tutta la costa.

UNICOOP TIRRENO PRESENTA IL CONTO AI LAVORATORI (Numero 150 - Aprile 2017)

Che Unicoop Tirreno avesse da qualche anno problemi di tenuta ormai era diventato il segreto di Pulcinella; pur non conoscendone il bilancio nei dettagli, era voce comune che la cooperativa fosse in perdita ormai da tempo. Già altre Coop facenti parte della Lega delle Cooperative avevano subito (...)


Reparti confino, contratti di solidarietà, cassaintegrazione, trasferimenti

Fiat Pomigliano e Mirafiori facce della stessa medaglia (Numero 150 - Aprile 2017)

Il 25 settembre dello scorso anno alla Fiat di Mirafiori partivano i contratti di solidarietà per circa 2400 lavoratori delle carrozzerie dopo più di cinque anni di cassa integrazione. Nel riportarne la notizia su L’Internazionale di quel mese, stigmatizzammo le dichiarazioni di giubilo di tutti i (...)


Diritto all’aborto

UN DIRITTO RICONOSCIUTO... E NEGATO IN PRATICA (Numero 150 - Aprile 2017)

Nei giorni scorsi ha sollevato molte polemiche, sui mass media, il fatto che la Regione Lazio abbia messo come vincolo, in un concorso pubblico per l’assunzione di due ginecologi in un ospedale, che questi si dichiarassero “non obiettori di coscienza” al fine di alleggerire la gravissima (...)


Il faticoso processo di formazione di un mercato unico europeo (Numero 150 - Aprile 2017)

Sessanta anni fa, il 25 marzo 1957, sei paesi firmavano il Trattato di Roma che partorì il mercato comune, all’origine dell’attuale Unione europea. Mentre gli Stati Uniti avevano costituito un vasto mercato unificato già dal 1865 con la fine della guerra di Secessione tra il Nord ed il Sud, le (...)


Francia

Contro i partiti della borghesia, innalzare la bandiera rossa dei lavoratori (Numero 150 - Aprile 2017)

In Francia le elezioni precedenti, segnate in particolare dai successi del Fronte nazionale di Marine Le Pen, hanno evidenziato il grado di putrefazione del meccanismo di alternanza di governo che funge da democrazia nella repubblica borghese. Lo confermano, anche in peggio, i molteplici (...)


Russia 1917 – dopo la rivoluzione di febbraio

Lenin: “questo governo non darà né la pace né il pane né la libertà” (Numero 150 - Aprile 2017)

Dopo la vittoria della rivoluzione russa di febbraio 1917, Lenin ancora in esilio in Svizzera può seguire gli avvenimenti solo dalla stampa borghese. In cinque lettere inviate al giornale bolscevico Pravda, analizza la situazione in un modo che mette a soqquadro il clima di conciliazione (...)


Fukushima: la popolazione continua a pagare (Numero 150 - Aprile 2017)

Sabato 11 marzo, si è commemorato la catastrofe di Fukushima verificatasi sei anni fa. Un sisma di magnitudo 9 aveva provocato uno tsunami sulla costa nordorientale dell’isola centrale del Giappone, a 300 km al nord di Tokio. L’onda di 15 metri di altezza aveva devastato 500 km di costa, causando (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSNumero 150 - Aprile 2017   ?