Internazionale
Home > Il Giornale > Numero 145 - Ottobre 2016 > Numero 145 - Ottobre 2016

Numero 145 - Ottobre 2016

Articoli di questa rubrica


Editoriale

La vera battaglia politica dei lavoratori (Numero 145 - Ottobre 2016)

Mentre giornali e televisioni ci sommergono di dibattiti, polemiche, analisi e articoli sulla riforma della Costituzione, sulla riforma del sistema elettorale e sul referendum del 4 dicembre, la vita, quella vera, continua. E per quanto riguarda noi lavoratori, continua male. Nel “loro” mondo ci (...)


Filo rosso

Un futuro che somiglia al passato (Numero 145 - Ottobre 2016)

Una storia come troppe. Ho la casella postale intasata di giovani adulti plurilaureati a cui vengono proposti stage non remunerati, pagamenti ballerini in voucher o addirittura accordi capestro, naturalmente orali, che prevedono la restituzione di una parte dello stipendio, pena la perdita del (...)


Scritto in corsivo…

Cronache medievali (Numero 145 - Ottobre 2016)

Un reportage pubblicato da “La Stampa” del 24 settembre e ripreso da altri organi di informazione ci ha rivelato le dimensioni di un fenomeno raggelante. Si parla del XXI secolo e si parla dell’Italia, cioè di un paese che normalmente è considerato nell’ambito della parte più sviluppata e “civile” (...)


L’alternanza scuola…..sfruttamento (Numero 145 - Ottobre 2016)

Essere genitori, provare a indagare su cosa sia l’alternanza scuola-lavoro per gli studenti del triennio delle scuole superiori ed essere presi dallo sgomento è un tutt’uno. Gli studenti dovranno infatti svolgere 400 ore in aziende o enti nell’arco di tre anni e fin qui, si fa per dire, tutto bene. (...)


VOLONTARIATO O “CITTADINANZA ATTIVA”, DI LAVORO NORMALE NEI SERVIZI PUBBLICI NEANCHE A PARLARNE (Numero 145 - Ottobre 2016)

Una volta si diceva “cambiano i suonatori ma la musica è sempre la stessa”. In perfetta continuazione (senza soluzione di continuità) con le precedenti giunte e governi di centro-sinistra e destra, che hanno puntualmente e progressivamente smantellato ed esternalizzato molti servizi pubblici con la (...)


Provincia di Torino

Crolla il controsoffitto in una scuola elementare di Nichelino (Numero 145 - Ottobre 2016)

Una bambina è rimasta ferita in una scuola di Nichelino. Di nuovo si è sfiorata la tragedia a causa dell’assenza di una politica delle istituzioni per la messa in sicurezza delle scuole, fatiscenti e pericolose. Continuano i crolli nelle scuole italiane. Dopo gli episodi di Padova, Rho e Milano, (...)


QUALITY CAR, UNA LOTTA SIGNIFICATIVA (Numero 145 - Ottobre 2016)

Nella corrispondenza del mese di settembre, avevamo descritto l’evoluzione della vertenza Drive Cars / Quality Car: la dirigenza puntava a riassumere i lavoratori a condizioni nettamente peggiori, riservandosi la possibilità d’effettuare licenziamenti del tutto discrezionali. La situazione era (...)


ERA UNO DI NOI (Numero 145 - Ottobre 2016)

Un morto a un picchetto di sciopero, un operaio ammazzato mentre manifestava. Saranno stati forse quarant’anni che non succedeva. E’ toccato ad Abd Elsalam Ahmed Eldanf, un nome difficile perché era di origine egiziana. Come altri - molti altri – lavoratori del settore della logistica, non aveva risparmiato le energie nella lotta contro condizioni di lavoro disumane.
Dopo una trattativa sfibrante, proseguita in Prefettura alla presenza anche del Sindaco di Piacenza, si è conclusa con un accordo la vertenza della GLS, il corriere espresso con sedi in tutta Italia per cui lavorava l’operaio immigrato ucciso mentre partecipava a un picchetto. Il presidio di (...)


Alla Foodora di Torino sciopero contro il cottimo (Numero 145 - Ottobre 2016)

I lavoratori che consegnano i pasti a domicilio dicono basta al superfruttamento. Solidarietà attiva dei rider di Milano uniti in presidio ai compagni di lavoro torinesi.
Niente pizza a casa dei torinesi! Sabato 8 ottobre i 200 lavoratori di Foodora hanno scioperato contro le condizioni di lavoro indegne, la paga a cottimo e in solidarietà con i due compagni di lavoro licenziati per aver protestato per primi. Lunedì venivano avanzate le rivendicazioni: abolizione (...)


LAVORO: LA STRAGE NON SI E’ MAI INTERROTTA (Numero 145 - Ottobre 2016)

Per la morte di Giacomo Campo, 25 anni, è intervenuto anche il Presidente della Repubblica con una nota che unisce alle consuete immagini retoriche (“Ogni morte sul lavoro costituisce una ferita per l’Italia”) una constatazione perfino ovvia: “Non è ammissibile che non vengano adeguatamente assicurate garanzie e cautele per lo svolgimento sicuro del lavoro”. Probabilmente il Presidente Mattarella avrà presente che i morti sul lavoro oscillano tra i tre e i quattro al giorno, tutti i giorni, e non una volta tanto, in occasione dell’attenzione del Presidente. Ma da qualsiasi posto di lavoro potrebbero confermare: garanzie e cautele possono esserci…compatibilmente alle esigenze del profitto.
A un paio di giorni dalla brutale uccisione di Abd Elsalam, travolto da un camion mentre partecipava a un picchetto davanti alla sua azienda, e forse anche per l’ondata di sdegno che ha riportato per un attimo i riflettori sulla condizione operaia, la morte di lavoro ha costretto i media a (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSNumero 145 - Ottobre 2016   ?