Internazionale
Filo rosso

Chi fa la minestra deve mangiarla

Alcuni individui si sono impadroniti con l’astuzia o la violenza della terra comune e, dichiarandosi possessori, hanno stabilito per legge che questa sarebbe stata per sempre loro proprietà, e che tale diritto di proprietà sarebbe divenuto la base della costituzione sociale, cioè che avrebbe dominato e, in caso di bisogno, avrebbe potuto assorbire tutti i diritti umani, anche quello di vivere, se per disgrazia fosse venuto in conflitto con il privilegio della minoranza.

Questo diritto di proprietà si è esteso, per deduzione logica, dal suolo ad altri strumenti, prodotti accumulati del lavoro, indicati col nome generico di capitali. Ora, poiché, i capitali, sterili in se stessi, fruttano solo con la manodopera, e poiché, d’altro lato, sono necessariamente la materia prima lavorata dalle forze sociali, la maggioranza, esclusa dal possesso, è condannata ai lavori forzati a profitto della minoranza possidente. Gli strumenti e i frutti del lavoro non appartengono ai lavoratori, ma agli oziosi. I rami golosi assorbono la linfa vitale dell’albero a scapito dei ramoscelli fertili. I calabroni divorano il miele creato dalle api.

Louis-Auguste Blanqui, 1834.


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2011 RSSNumero 107 - Novembre 2011   ?