Internazionale
Spagna

Una situazione sanitaria scandalosa

Lunedì 30 marzo, il bilancio dell’epidemia era già molto pesante in Spagna, con 85.195 persone infette e 7.349 morti. Per anni, come in molti altri paesi, il sistema sanitario è stato degradato e privatizzato. Questo è particolarmente il caso a Madrid. Enormi manifestazioni chiamate "maree bianche" avevano cercato di opporsi a questa politica di "rendere gli ospedali redditizi" e di privatizzarli.

Oggi, la terribile crisi sanitaria mette in luce l’enorme mancanza di mascherine, di gelo idroalcolico, di respiratori e personale qualificato negli ospedali e nelle case di riposo. Sta suscitando numerose reazioni di indignazione in tutta la Spagna.

Il disprezzo dei datori di lavoro è stato evidente fin dall’inizio della crisi. La direzione delle aziende voleva mantenere migliaia di lavoratori al loro posto di lavoro, contro il parere delle autorità mediche e senza alcuna reale protezione. Questa politica criminale ha contribuito all’ulteriore diffusione del virus. L’esempio più eclatante è stato la Airbus, che ha costretto i dipendenti a lavorare mentre centinaia di lavoratori erano contaminati. Il sindacato CGT ha dovuto indire uno sciopero ad oltranza affinché il personale potesse rimanere a casa e proteggersi, ma senza ricevere alcuna retribuzione!

Tutti i dirigenti aziendali hanno fatto come alla Airbus. CLECE, la società del miliardario Florentino Perez (proprietario del Real Madrid) ha licenziato i dipendenti che avevano denunciato la mancanza di materiale nelle case di riposo. L’obiettivo era chiaro: silenzio sui drammi e sulle carenze e mantenere l’attività per non abbassare i dividendi degli azionisti.

Queste stesse aziende stanno usando la grande stampa che controllano per far sapere attraverso articoli lodativi che hanno pagato qualche milione di dollari per aiutare a combattere la pandemia!
Di fronte all’emergenza sanitaria e al cinismo dei datori di lavoro, il "governo del progresso", con il PSOE (Partito socialista) e l’alleanza Unidad-Podemos, ha servito prima i padroni. Dall’inizio della crisi, le "misure di progresso" sono andate a vantaggio delle banche e delle grandi imprese, con 100 miliardi di garanzie che non sono altro che una garanzia per le banche di continuare a concedere prestiti e speculazioni senza il controllo di nessuno.

Tra i regali alle imprese, il governo ha deciso che le ore non lavorate sarebbero state recuperabili. Anche qui non si tratta di incidere sui profitti dei padroni! Naturalmente, ha cercato di mantenere un volto "sociale" facendo annunciare da un ministro di Unidad-Podemos (anche membro del partito comunista) la "limitazione dei licenziamenti per motivi tecnici e produttivi".

Questa misura naturalmente non impedisce i licenziamenti. Al massimo, li rende un po’ più costosi per i padroni. E questa decisione arriva dopo che un milione di lavoratori sono stati licenziati nelle settimane precedenti e naturalmente senza effetto retroattivo. I datori di lavoro, la destra e l’estrema destra, naturalmente, non hanno però mancato di denunciare una misura "bolivariana" che viola la libertà d’impresa e che "creerà ancora più disoccupazione".

Inoltre, il governo sta esitando su cosa fare quando la popolazione non sarà più in grado di pagare gli affitti, l’elettricità. Prevede di rimandare i pagamenti, di anticipare soldi, ma soprattutto di non annullare nulla. Nonostante la pandemia, nonostante il numero di morti, non vuole danneggiare i proprietari, così come continua ad applicare la politica delle banche e delle grandi imprese, prendendo semplicemente una piccola percentuale dell’immensa ricchezza accumulata dalla borghesia.

C’è un proverbio spagnolo che dice "non si può mettere una candela a Dio e un’altra al diavolo". Mentre migliaia di vite sono in gioco, il governo spagnolo ha scelto chiaramente la sua parte e le sue candele: le mette dalla parte delle grandi imprese, dei banchieri, dei grandi proprietari terrieri!

Con questa crisi, è sicuro che la classe operaia, che già sta esprimendo la sua indignazione e la sua rabbia, dovrà chiedere dei conti, e dovrà far sentire la sua voce e la volontà di porre fine a un’organizzazione sociale che calpesta le vite in nome del sacrosanto profitto.

J.M.


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2020 RSSNumero 173 - Aprile 2020   ?