Internazionale

Ecuador: la rivolta costringe il governo ad un passo indietro

Il 13 ottobre, dopo dieci giorni di rivolte e combattimenti di strada in tutto il paese, il governo ecuadoriano di Lenin Moreno ha annunciato il ritiro del decreto con cui aveva più che raddoppiato il prezzo della benzina e del gasolio.

Questo ritiro è stato vissuto come una vittoria della popolazione, e deve tutto alla determinazione dei manifestanti. Infatti, si sono opposti all’ondata di repressione, che ha portato il governo a mobilitare l’esercito e a stabilire un coprifuoco, uccidendo otto persone, ferendone centinaia e arrestandone più di mille.

Questo decreto ha colpito tutti coloro che, come gli agricoltori, sono costretti a viaggiare in auto o in camion. Ma ha colpito anche il trasporto merci, quindi tutti i prezzi. Fa parte di un pacchetto di attacchi contro le classi lavoratrici, il "paquetazo", annunciato il 1° ottobre, che comprende misure per rendere il lavoro più flessibile, la soppressione di metà delle ferie per i dipendenti pubblici, l’eliminazione delle tasse all’importazione e esportazione. Era accompagnata da un prestito del FMI, che, come sempre, era subordinato a questo tipo di attacco. Inoltre, dalla sua elezione il governo ha licenziato centinaia di migliaia di dipendenti statali e tagliato i fondi dei servizi pubblici, col pretesto della modernizzazione dell’economia e in realtà per dare opportunità di investimento al capitale internazionale.

Questi annunci hanno dato fuoco alla polveriera: dal 3 ottobre i trasporti pubblici e i taxi hanno iniziato lo sciopero; migliaia di persone stavano manifestando, bloccando le strade, scontrandosi con la polizia. Il governo ha lasciato la capitale Quito e dichiarato lo stato d’emergenza. Il 7 ottobre, la mobilitazione si è ancora rafforzata con l’arrivo nelle città di migliaia di contadini indigeni (indios) provenienti da diverse regioni del paese, con le famiglie. Il 9 ottobre è stato dichiarato giornata di sciopero nazionale dalle organizzazioni indigene, con l’obiettivo di occupare il palazzo presidenziale e l’Assemblea e di fare cadere il governo.

Alla mobilitazione ha risposto la repressione, che ha fatto morti feriti. Il governo ha lanciato una campagna diffamatoria, usando tutti i trucchi dall’odio dei poveri e degli indigeni alla xenofobia anti-venezuelana, con il ministro degli Interni che spiegava che i manifestanti erano pagati dal presidente venezuelano Maduro. Questo non ha scoraggiato i manifestanti. Di fronte agli spari della polizia, hanno eretto barricate; di fronte ai gas lacrimogeni, hanno organizzato catene per il trasporto dei sanpietrini. I medici si sono offerti volontari per curare i feriti.

Anche se le altre misure del "paquetazo" rimangono in vigore, il ritiro del decreto carburante ha portato ad una notte di festa in tutto il paese. A questo sentimento di vittoria si aggiunge un altro orgoglio: il governo ha dovuto cedere alle popolazioni indigene, che costituiscono la maggioranza dei poveri del paese e sono oggetto di grande disprezzo.

T. B.


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSNumero 170 - Ottobre 2019   ?