Internazionale

El Salvador: sotto giudizio per aver perso il suo bambino

Giudicata per omicidio dopo aver perso il suo bambino, Evelyn Hernandez rischiava una condanna a 40 anni di carcere secondo le leggi che criminalizzano l’aborto in El Salvador. Lunedì 19 agosto è stata assolta e un centinaio di donne hanno cantato davanti al tribunale: "Attenzione, attenzione, attenzione, in America Latina la lotta femminista sta avanzando. »

Questo paese centroamericano è uno dei più repressivi contro l’aborto, grazie alla sua legislazione e all’atteggiamento delle autorità. Dal 1998, l’aborto è illegale in ogni circostanza e punibile da due a otto anni di carcere. I giudici spesso accusano le donne di omicidio aggravato, con pene fino a 30 o addirittura 50 anni di carcere. La pressione è tale che le donne vittime di aborto spontaneo, soprattutto quelle provenienti dalle classi popolari, sono generalmente considerate colpevoli di aborto. È stato il caso di Evelyn Hernandez. Stuprata da un branco all’età di 17 anni, a quanto pare non si era resa conto di essere incinta quando ha perso il feto nella sua toilette nel 2016. Dopo una prima condanna a 30 anni di detenzione nel 2017, è rimasta in carcere per 33 mesi prima che la Corte Suprema annullasse la sentenza nel febbraio scorso.

La Procura ha poi rilanciato la procedura, questa volta richiedendo 40 anni di carcere. Non l’ha ottenuto, grazie alla mobilitazione a favore di questa giovane donna.

F G


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSNumero 169 - Settembre 2019   ?